Il Proís de Candelaria, un villaggio in una grotta!

La Palma Canary Proìs de Candelaria Tijarafe
Facebooktwitterpinterest

Il Proís de Candelaria

Alla scoperta di un villaggio incastonato nella scogliera de La Palma

La cueva de Candelaria o proìs de Tijarafe: un villaggio nella roccia

Il Proís o Cuevas de Candelaria è una pittoresca enclave costiera che si distingue per la sua bellezza, interesse storico ed etnografico, nonché per il grande valore naturale dell’ambiente in cui si trova. Il carattere della scogliera di questa costa, con pareti di 200 mt di altezza, è un elemento chiave per dare rifugio a numerosi uccelli marini come la berta grigia, la sterna comune o il gabbiano a zampe gialle, e terrestre come il falco tagarote o il guincho sempre più scarso.

La cueva de Candelaria o proìs de Tijarafe: un villaggio nella roccia

Le piccole pozzanghere che si formano con la bassa marea, funzionano come oceani in miniatura, riparando dai tipici organismi costieri alle specie che vivono a 200 m di profondità. È il caso di stelle marine, anemoni, granchi, conchiglie, alghe e pesci, alcuni dei quali si nutrono di specie di interesse ittico. 

Queste scarpate rocciose si estendono sotto il mare creando abbondanti fessure e grotte che costituiscono l’habitat ideale per specie adattate al buio come spugne, coralli e altri invertebrati. D’altra parte, nei fondi più esposti alla luce, c’è una grande ricchezza di alghe che servono da sostentamento per la fauna associata, anche se negli ultimi anni le loro popolazioni sono state ridotte a causa degli squilibri causati dalla scomparsa di specie predatrici chiave come pejeperros, galli o carichi, responsabili di tenere a bada gli erbivori come il riccio.

La cueva de Candelaria o proìs de Tijarafe: un villaggio nella roccia

Come raggiungere il Proìs?

Per arrivare al Proìs de Tijarafe o cueva de Candelaria bisogna raggiungere il comune di Tijarafe a nord ovest dell’isola. Una volta arrivati al paese dovrete prendere la strada che dal chiosco (El Kiosko de El Diablo) scende verso la costa, non potete sbagliarvi: la discesa è adrenalinica ma sicura. 

In alternativa se siete dei buoni camminatori lo potete raggiungere a piedi. Il percorso è di circa 10km (andata e ritorno), con un dislivello di 850mt e ci impiegherete più o meno 4 ore. 

Vale la pena percorrere questo sentiero: per il paesaggio a strapiombo sul mare, per conoscere la vegetazione tipica della costa palmera (Cardonal-Taibabal), avvistare qualche volatile, lucertole o conigli e per godere del meraviglioso clima palmero. Attenzione però alle calde giornate d’estate, vi sconsigliamo vivamente di camminare a meno che non partiate al mattino presto! Ricordate di portare sempre con voi  abbondante acqua, all’arrivo al primo posteggio (che è anche la partenza del sentiero per arrivare a la spiaggia del Jurado) troverete una fonte.

La cueva de Candelaria o proìs de Tijarafe: un villaggio nella roccia

Un luogo pittoresco e sorprendente

Siamo sicuri che rimarrete senza fiato non appena scorgerete la famosa cueva: una grotta con al suo interno diverse casette color bianco e azzurro che si sviluppano all’interno della scogliera. Se siete dei bravi fotografi potrete fare delle catture impressionanti!

Se lo visitate d’inverno e durante la settimana probabilmente non troverete anima viva: le case saranno barricate, le barchette ricoverate e a parte qualche miagolio non sentirete alcun suono se non il rompersi delle onde dell’Oceano sulla costa.

Tutto cambia in estate quando gli abitanti del paese di Tijarafe trasferiscono la loro residenza nel porticciolo che si riempie di vita: le barche escono in mare, il paesino prende vita e i bambini giocano nelle pozze formate dal mare o se la marea e le condizioni dell’acqua lo permettono si tuffano dagli scogli.

La cueva de Candelaria o proìs de Tijarafe: un villaggio nella roccia
La cueva de Candelaria o proìs de Tijarafe: un villaggio nella roccia

Che cosa vuol dire proìs?

Proìs significa “roccia o pietra sulla terra ferma alla quale si amarra la barca”, è infatti un piccolo porticciolo che venne utilizzato per lo più in passato anche per difendersi dagli attacchi dei pirati.

Il nome cueva de Candelaria gli viene dato invece dalla Patrona del comune di Tijarafe, la Virgen de Candelaria.

Camminando tra le casette troverete infatti una statuetta della Madonna che protegge il luogo e la cui festivitá si celebra l’8 di settembre. La leggenda narra che quando la vergine di Candelaria si trasferì dal porto della capitale Santa Cruz de La Palma a Puntagorda, i marinai si fermarono per riposare in questo luogo. Quando decisero di ripartire il mare era così mosso che dovettero ritornare al rifugio e così in ulteriori occasioni.

Da allora in poi, il Proís è stato nominato in onore della Vergine: il Proìs de Candelaria.

© La Palma Natural - Viaggi, vacanze ed esperienze a La Palma, Isole Canarie

SEI PRONTO PER VIVERE LA TUA ESPERIENZA A LA PALMA?

Chiamaci

Rispondiamo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 16.

La Palma Natural Tel: +34 682371006 (Federica)
La Palma Natural Italia Tel: +39 3921286372 (Gianluca)

Mandaci un e-mail

Ti risponderemo entro 24/48 ore.

Sei a La Palma e vuoi incontrarci?

Chiamaci o scrivici per fissare un appuntamento.

Facebooktwitterpinterest

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>